Home > Salute

I benefici e gli usi della borraggine

La borragine, borrago officinalis in botanica, è una pianta molto amata nella medicina popolare e utilizzata come cura di piccoli dolori. I suoi effetti benefici riguardano soprattutto le vie respiratorie e la sindrome premestruale. Già conosciuta nell’antichità, era definita come una pianta che donava gioia di vivere e risvegliava lo spirito. Fin dai tempi più remoti è utilizzata per abbassare la febbre e calmare la tosse. La sua origine è probabilmente orientale ma è coltivata in tutto il mondo, specialmente in Europa e in America dove il clima, essendo temperato, ne permette anche la crescita spontanea.

I benefici e gli usi della borraggine

La borragine è ricca di vitamina C e di potassio quindi è utile per il buon funzionamento del sistema immunitario. Dalla pianta viene estratto l’olio di borragine, ottimo antiossidante per la cura delle impurità della pelle e rimedio naturale per eliminare il colesterolo in eccesso dalle arterie. Ricco di acidi grassi polinsaturi è impiegato per risolvere problemi ormonali e ristabilire l’equilibrio.

Olio di borragine

Si ottiene tramite la spremitura a freddo dei semi di borragine. È utile in tutte le fasi della vita, per neonati, giovani donne, adulti e anziani. Contiene quantità molto elevate di Omega 6, per questa sua particolarità è chiamato “il depurativo del sangue” . La sua qualità principale è quella di possedere in grandi dosi l’acido gamma-linolenico, assente in quasi tutte le altre piante. Questo acido grasso semiessenziale conferisce alla pianta le sue più importanti qualità benefiche sulla salute. Vediamo quali sono:

  • Migliora la pelle: possiede funzioni seboregolatrici, è indicato sia per pelli secche che grasse. Inoltre è un utile alleato in caso di acne, eczemi, psoriasi e dermatiti atopiche. Essendo un antiossidante è utile anche per la prevenzione delle rughe.
  • Migliora le unghie
  • Riduce il rischio cardiovascolare
  • È utile in caso di colesterolo alto e ipertensione
  • Allevia i sintomi premestruali, i dolori del ciclo mestruale e i disturbi della menopausa

Effetti collaterali

Può causare sgradevoli effetti come nausea, vomito, gonfiore addominale e diarrea. Ne è sconsigliato l’uso a chi soffre di emofilia perché tende a fluidificare il sangue. Molto raramente, e soprattutto in concomitanza di cure psicofarmacologiche, sono stati riscontrati disturbi del comportamento.

Altri usi terapeutici e controversie

Pianta di borragine

La pianta della borragine è spesso al centro di controversie. Da una parte i sostenitori della medicina popolare ritengono che possa essere usata a scopo benefico per molte patologie, dall’altra non ci sono stati riscontri sperimentali che possano confermare queste teorie. È reputata una pianta dal potere depurativo, rilassante e diuretico ed è principalmente impiegata per:

  • Cura del cavo orale tramite gargarismi
  • Tosse e mal di gola mediante tisane
  • Cura di reumatismi, reni e vescica

È utilizzata anche come rimedio omeopatico contro:

  • Dolori articolari
  • Artrite reumatoide
  • Patologie delle vie respiratorie

La principale preoccupazione degli studiosi è l’alto contenuto di alcaloidi tossici, molto dannosi per l’organismo. Pertanto, questi ultimi, ne sconsigliano l’uso sia sotto forma di tisane che infusi. L’unica cosa da poter utilizzare è l’olio di borragine, ampiamente studiato e testato.

La borragine in cucina

Le parti utilizzate in cucina sono le foglie e i fiori. Il loro gusto è simile al cetriolo e vengono impiegate per fare ripieni, frittate, minestre e minestroni. Devono essere consumate rigorosamente cotte, recenti ipotesi vedono la borragine come una pianta cancerogena se ingerita da cruda. Ovviamente servono grandi dosi e un consumo frequente e prolungato per incorrere nel rischio di tumori.  In Liguria e in Campania è un ingrediente essenziale di molti piatti tipici e viene coltivata negli orti, a differenza di altre regioni dove è solo una pianta selvatica. La borragine è un ortaggio poco energetico, in essa sono presenti pochi grassi, lipidi e proteine.

Articoli interessanti

loading...
Top