Home > Diete

Dieta push up: dimagrire rassodandosi

Avete mai pensato di dimagrire rassodandovi e rimodellando la vostra silhouette? Ecco a voi la dieta Push up che in poche settimane, in poco più di quattro settimane vi consente di perdere peso in maniera veloce e salutare. Tre giorni di dieta disintossicante e di eliminazione di tutte le tossine in eccesso e di sostanze nocive per il nostro organismo, seguiti da quattro settimane di rimodellamento intensivo per eliminare l’adiposità in eccesso lungo i fianchi, l’addome, il girovita e le cosce. Ricca di proteine e con pochi carboidrati, va seguita per quattro settimane per permettere di perdere 4-5 chili in eccesso similmente alla dieta low carb. Vediamo in questa guida i due step che articolano e compongono la dieta push up e il menù alimentare per diventare belle e più snelle.

Dieta push up: primo step, disintossicare l’organismo

Questa prima fase della dieta Push up è dedicata a tutte le donne che vogliono snellire la linea eliminando e smaltendo le tossine in eccesso. Questo primo step prevede un abbondante consumo di cibi in forma liquida (zuppe, centrifughe, spremute, brodo), protidi ricchi di sostanze azotate e un consumo discreto di cereali integrali che conferiscono sazietà e stimolano la produzione di serotonina, che ci dona il sorriso ed il buon umore, in modo tale da poter dimagrire in modo salutare e con felicità. Questa prima fase disintossicante che può essere scissa e seguita autonomamente rispetto al secondo piano di rimodellamento del corpo, dura solo tre giorni, quindi il dispendio temporale e l’impegno non sono assolutamente un vincolo per il soggetto che decide di seguirla. I risultati che si possono conseguire in questa primissima fase sono assolutamente strabilianti e garantiti: in soli tre giorni pensate che potete perdere fino a 2 Kg. Vediamo il regime alimentare in tre giorni:

  • appena svegliate assumete un bicchiere di acqua oligominerale a temperatura ambiente con succo di limone spremuto,
  • a colazione: una tazza di thè verde con un cucchiaino di miele accompagnata con tre fette biscottate integrali spalmate con un velo leggero di marmellata e/o miele, oppure optate per una tazza di latte di riso con fiocchi di avena o di cereali integrali, per chi è amante della colazione continentale, si può optare per una fetta di pane integrale con due fettine di bresaola con un bicchiere di spremuta d’arancia o pompelmo senza zucchero,
  • a spuntino (mattutino e/o pomeridiano) optate per un frutto di stagione, o un centrifugato di verdure o per un vasetto di yogurt bianco magro,
  • a pranzo optate per uno dei seguenti piatti: riso integrale lessato con verdure o pesce alla griglia con piatto di verdure bollite o bresaola con rucola o zuppa di farro e verdure o petto di pollo/tacchino alla griglia con verdure cotte al vapore o due uova con pomodoro fresco o pesce spada affettato con tortino di patate e zucca,
  • a cena optate per una delle seguenti pietanze: passato di verdure con riso integrale o pasta con pomodoro fresco e basilico o bistecca di vitellone con verdure grigliate o pesce al forno con verdure lessate o petto di pollo e/o tacchino alla piastra con insalata, pomodori e carote.

Ogni pietanza può essere condita con mezzo cucchiaino di olio d’oliva extra vergine rigorosamente da crudo e mai cotto, dopo cena se avete fame potete concedervi una tisana o una camomilla.

Dieta push up: secondo step, rassodare l’organismo

Ecco il secondo step che deve durare circa 4 settimane in cui vi concentrerete sullo smaltimento e rimodellamento delle zone localizzate dove è concentrato il tessuto adiposo in eccesso lungo i fianchi, l’addome, il girovita, le cosce. In questa seconda fase si può perdere ulteriori 4-5 Kg e procedere allo snellimento di tutta la silhouette. Vediamo come procedere:

  • a colazione: una tazza di latte di riso o di avena con un frutto di stagione,
  • a spuntino (mattutino e/o pomeridiano): una galletta e/o pezzo di pane spalmato con miele,
  • a pranzo (da lunedì a sabato): bresaola con radicchio o insalata con tonno naturale o prosciutto crudo con verdure al vapore o petto di pollo con verdure bollite o pesce spada a fette o grigliato con tortino di verdura o due uova con pomodoro,
  • a cena (da lunedì a sabato): due volte la settimana (martedì e giovedì) optate per un primo tra pasta con verdure lesse, o riso integrale con verdure o pasta al pomodoro fresco o zuppa di farro o cereali integrali con verdure, le altre quattro volte optate per un secondo: carne bianca, pollo o tacchino alla griglia con verdure o bistecca di vitellone o pesce cotto al forno con verdure/patate,
  • a pranzo (solo domenica): frutti di mare o crostacei al vapore o grigliati,
  • a cena (solo domenica): salmone grigliato con verdure

Potete condire le pietanze con mezzo cucchiaino d’olio extra vergine d’oliva, poco sale e limone, il successo è garantito!

Articoli interessanti

loading...
Top