Home > Alimentazione

Il pomodoro: varietà, proprietà benefiche e nutrizionali e usi

Originario dell’America del Sud dove cresceva allo stato selvatico, il pomodoro (Solanum lycopersicum) fu per molto tempo ritenuto una pianta esotica di scarso valore e considerato con diffidenza; l’uso alimentare cominciò sul finire del ‘700 in Sicilia e nel Napoletano, diffondendosi poi nel resto della Penisola: impiegato dapprima per dare tono alle salse scipite e poi entrato a far parte del novero delle ricette culinarie nostrane. Odiernamente il pomodoro è assai coltivato non solo per il suo consumo allo stato fresco ma anche per l’industria conserviera; è utilizzato in cucina per preparare ottimi sughi e condimenti per pasta, pizza e crostini e per essere consumato da crudo in ottime insalate.

Proprietà nutrizionali ed alimentari del pomodoro

Si conoscono diverse varietà che possono essere raggruppate in quattro basilari:

  • pomodoro da tavola per il consumo crudo sotto forma di insalata, una caprese con mozzarella, un piatto di pomodori tipo “insalata” con cetrioli guarniti con origano e basilico fresco condito il tutto con un cucchiaino di olio d’oliva extra vergine da crudo e un pizzico di sale;
  • pomodoro da conserva a polpa succosa;
  • pomodoro da serbo a frutti piccoli, a grappoli con maturazione tardiva, tipo il pomodorino “ciliegino” utilizzato in cucina per guarnire le pizze o preparare insalate di pasta fredde con pomodorini e feta;
  • pomodoro da pelati a frutto piriforme allungato ed a polpa soda, il pomodoro perino rosso è ideale per preparare ottimi condimenti per i primi e secondi di pesce per evitare che il condimento diventi troppo “sugoso” e conferisca un aspetto più naturale da accostare al sapore del pesce fresco.

La composizione (in grammi e per 100 grammi di prodotto) è la seguente:

acqua 93.5
protidi 0.95
sostanze non azotate 0.50
lipidi 0.20
glicidi 3.20
materie organiche 1.69
ceneri 0.74

La vitamina C è presente in quantità rilevante, altre vitamine come il carotene, la B1, B2, PP e K sono presenti anch’esse in quantità apprezzabili e nella salsa di pomodoro industriale si trovano l’acido malico (0.50 per 100 grammi), l’acido tartarico, l’acido citrico e l’acido ossalico.

Impieghi del pomodoro

I pomodori possono essere consumati in diverse maniere ma è preferibile consumarli crudi in insalata uniti ad altre verdure o a patate bollite; nella nostra cucina è assai utilizzata la salsa di pomodoro che, come condimento della pasta e della pizza, evita la fermentazione degli amidi facilitandone la digestione. Il succo di pomodoro è un ottimo aperitivo ed è consigliabile prenderne un bicchiere prima dei pasti nei casi di inappetenza.

Il pomodoro è indicato nell’alimentazione del bambino già nel primo anno di vita, per i dispeptici, i gastritici, gli stitici, gli obesi e per coloro che soffrono di malattie dermatologiche. Per il suo esiguo valore energetico è un ottimo alimento indicato per le diete dimagranti; inoltre la minima percentuale di carboidrati ne fa un prezioso alimento vitaminico per i diabetici e per il contenuto elevato di vitamina C lo rendono un rimedio naturale contro lo scorbuto e le emorragie gengivali.

Si consiglia di preparare in casa la salsa di pomodoro per condire la pasta o come base per pizza, crostini e calzoni; in effetti, il gusto e l’aroma della salsa casalinga non ha niente a che vedere con quella commercializzata nei barattoli o vasetti di sugo pronto che reperiamo sugli scaffali del supermercato.

“Crostini dei fiordi” con il sugo di pomodoro: la ricetta

Ingredienti: pomodori rossi maturi di San Marzano, spicchi d’aglio “scamiciato”, un pezzo di carota, basilico fresco, un pizzico di sale.

Preparazione: prendete i pomodori di San Marzano, pelateli bene, tagliateli a pezzettini e metteteli in un’ampia pentola di ceramica a cuocere con un po’ di acqua, un pezzetto di carota, qualche spicchio d’aglio “scamiciato”, basilico fresco tritato ed un pizzico di sale, fate cuocere bene e mescolate il tutto con un mestolo di legno fino a quando il sugo assumerà un aspetto corposo e cremoso. La vostra salsina di pomodoro fresco è pronta, lasciatela raffreddare e aggiungete qualche foglia di basilico fresco. Potete anche utilizzarla per condire la pasta, come base per la pizza, calzone o per i crostini.

Un suggerimento utile per impiegare con gusto il vostro sughetto è quello di procurarsi delle bruschette preparate con fette di pane di grano duro abbrustolite; guarnitele con della salsa di pomodoro di San Marzano e con qualche fettina di salmone norvegese affumicato, il tutto condito con un filo di olio d’oliva extra vergine da crudo ed un po’ di origano e voilà …. i vostri “crostini dei fiordi” sono pronti!

Articoli interessanti

loading...
Top